Mobilità sostenibile: una per tutti e tutti per la bici!

Nel mondo della mobilità c’è in atto un cambiamento, qualcosa si sta muovendo, scusando il gioco di parole. Si parla già da un po’ di tempo di mobilità sostenibile, un concetto ampio che abbraccia molteplici aspetti della vita di tutti i giorni. E’ certamente un argomento che prende in considerazione modi e luoghi, e che va ben oltre i confini territoriali e le realtà in cui viviamo giornalmente. Ma cosa è la mobilità sostenibile? La Mobilità Sostenibile è un obiettivo per molti Paesi. Arrivare ad un trasporto, sia pubblico che privato, che rispetti l’ambiente e non produca emissioni nocive con l’utilizzo di combustibili inquinanti come il petrolio. Le città e le amministrazioni, non solo locali, si stanno organizzando per creare una rete infrastrutturale ed organizzativa che porti a centrare l’obiettivo reale di una mobilità non inquinante, ad emissioni zero.

Manageritalia-Ecosostenibilità

La tecnologia è intervenuta, e nell’ultimo decennio con maggiore frequenza, a cercare di risolvere o quantomeno minimizzare la problematica dell’inquinamento, e non solo in riferimento a quello ambientale di cui ogni tanto dimentichiamo l’esistenza, ma anche quello che vediamo e percepiamo nelle nostre città, dove la vita si muove sempre più velocemente, e che definiremmo inquinamento dello stile di vita. Dovremmo, ed anzi abbiamo l’obbligo di cambiare atteggiamento, di spolverarci una coscienza ormai troppo adagiata sulle impronte di una società logora ed annebbiata, che non vede più quelli che sono i veri valori pur, fortunatamente, ancora riconoscendoli. Fortunatamente molti di noi cominciano a comprendere l’importanza di usare la bicicletta come mezzo di trasporto oltre che di svago, anche ipotizzando ove l’unico motivo per il quale si usi, sia quello di evitare il traffico giornaliero, e questo è ugualmente un bene.

E’ bello vedere, specialmente durante i weekend soleggiati, così tante bici in giro, così tanta gente che si diverte, facendo del sano sport per svago o esclusivamente per passione. La voglia del singolo di pedalare si aggiunge a quella dei tantissimi gruppi o associazioni che promuovono iniziative per andare in bici in compagnia e facilitare così la creazione di una coscienza comune che spinga verso un’unica direzione: la bici quale aggregatore sociale, sano e benevolo. Se avete la possibilità di scendere per le strade della vostra città, della vostra provincia, durante la settimana anche per trascorrere un paio di ore o semplicemente per andare a comprare il pane…fatelo! La gente vi vede, vi distingue e senza neanche volerlo, avete creato una piccola coscienza, ma che con il passare del tempo cresce, e si espande a macchia d’olio. Ricordiamo un dato fondamentale: in questi ultimi due anni, la vendita di biciclette è aumentata notevolmente e siamo ottimisti anche per il futuro. L’Italia, si sa, è un po’ arretrata in tema di mobilità sostenibile, rispetto ad altri paesi dell’Europa Settentrionale, ma questo non deve assolutamente scoraggiarci, anzi deve essere un motivo in più per crescere, un punto di lancio per comprendere meglio che l’auto non è il solo ed unico mezzo di trasporto a cui possiamo affidarci, ma che ne esistono degli altri, più ecologici, economici  e meno inquinanti.

Nel nostro paese, diciamoci la verità, l’auto è sopravvalutata, qualcuno la utilizza anche per andare a comprare il pane, a pochi passi da casa. Ogni tanto…usiamo i piedi!

Add a Comment